Il mare riapre ma tra le varie regioni la situazione è diversa

Il mare riapre ma tra le varie regioni la situazione è diversa

Il 29 maggio prende il via la stagione balneare, sarà possibile prendere la tintarella ma in totale sicurezza.

2' di lettura Senigallia 22/05/2020 - Il protocollo varato dalla Regione Marche non disciplina solo l'apertura degli stabilimenti balneari ai tempi del Coronavirus ma regolamenta anche l'accesso alle spiagge libere. Spiagge Libere Liguria si inserisce nella prospettiva della valorizzazione del territorio e della tutela dell'ambiente. "Stiamo mettendo in campo tutta una serie di soluzioni che possono andare dall'aiuto al contributo degli stabilimenti balneari confinanti con le spiagge libere all'utilizzo di associazioni o operatori economici già presenti con concessioni", ha precisato il consigliere delegato.

L'intesa tra Esecutivo e Amministrazioni regionali, infatti, ha messo a punto linee guida precise per garantire la sicurezza di bagnanti e lavoratori, che richiedono una certa preparazione per i gestori degli stabilimenti.

Intanto dalla Regione sono stati stanziati 6 milioni per gestire questa fetta del settore turistico e ogni comune si sta organizzando. Sarà anche introdotta la possibilità del delivery in spiaggia. Sono consentiti gli sport individuali che si svolgono in spiaggia (racchettoni) o in acqua (nuoto, surf, windsurf, kitesurf), praticati sempre nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici. Un drone della della protezione civile sorvolerà le coste tutti i giorni, mentre, circa 100 volontari controlleranno i varchi dalle 8 alle 21 per assicurare che le persone siano ben informate sulle distanze da rispettare. "La regolamentazione delle spiagge libere potrà essere garantita anche attraverso idonee convenzioni con soggetti pubblici e privati da attivare a cura del Comune territorialmente competente".