Gina Lollobrigida, l'amministratore preleva i suoi gioielli: 'Mi trattano da delinquente'

Gina Lollobrigida, l'amministratore preleva i suoi gioielli: 'Mi trattano da delinquente'

Il suo amministratore di sostegno, infatti, è stato autorizzato dal giudice a prelevare dalla sua abitazione tutti i beni di valore di proprietà dell'attrice. "Gioielli, quadri, suppellettili, mobili, lampadari e altro, affinché vengano riposti in un deposito a pagamento". Il commento dell'attrice non si è fatto intendere e, attraverso il suo ufficio stampa, ha deciso di rilasciare il seguente sfogo: "Hanno deciso di farmi morire in modo ignobile, neanche come si farebbe con i delinquenti". "In un paese civile non è tollerabile che avvengano soprusi così gravi e ingiusti". È un nuovo capitolo della battaglia giudiziaria che vede il figlio della Lollobrigida contro il suo manager, Andrea Piazzolla, quest'ultimo indagato per circonvenzione di incapace. In realtà il giudice tutelare si è mosso perché, nei giorni scorsi, alcuni dei preziosi arredi della sua casa erano finiti misteriosamente all'asta. In pratica qualcuno, ad insaputa della Lollo, li avrebbe sottratti e avrebbe cercato di piazzarli. Gina Lollobrigida ha trascorso la sua vita sempre sul set, sotto i riflettori, incantando tutti per il suo talento e il suo fascino immortale. "E' una decisione assurda", recita la nota, "in quanto costringe la signora Lollobrigida a vivere nella propria abitazione non solo in una inevitabile condizione di precarietà e disagio dovuto all'asporto della mobilia, privandola della possibilità di godere dei suoi beni; ma anche spogliata dei propri ricordi, in quanto oggetti che l'hanno accompagnata per tutto il corso della propria vita". Una vicenda non troppo diversa da quella di Morgan, anche lui privato dei suoi ricordi e dei suoi tesori artistici.

Il patrimonio dell'artista viene gestito da un amministratore di sostegno, Stefano Agamennone.

Windle Credits Getty Images
Windle Credits Getty Images

La nota rilasciata dall'ufficio stampa della Lollo specifica i dettagli del trasferimento dei beni, che verranno depositati probabilmente in un caveau. A me dispiace, quel poco che ho potuto capire è che in Italia non importa cosa si racconta e chi fa male, l'importante è raccontarlo per primi.

Purtroppo negli ultimi anni la signora Lollobrigida, ormai novantaduenne, è stata vittima di diversi raggiri, tra cui un matrimonio con un uomo molto più giovane (di cui la Lollo ha affermato di non sapere nulla) e un furto in casa di cui l'attrice non si era minimamente accorta e per il quale non aveva nemmeno sporto denuncia.