Fase 2: Mc Donald’s riapre le cucine, ma con il menù ridotto

Fase 2: Mc Donald’s riapre le cucine, ma con il menù ridotto

"Le immagini delle auto incolonnate in attesa del proprio turno allo sportello McDrive hanno fatto il giro della rete, con gli automobilisti in alcuni casi presi in giro da chi, lungo la tangenziale di Bari, gli passava accanto incredulo". Le 5 sedi che gestisce su Lucca e Pisa, e che raccolgono in tutto circa 180 dipendenti, sono chiuse dal 12 marzo: "speriamo in un aiuto al settore - sottolinea - perché, al di là di questi due mesi di chiusura, quello che preoccupa noi, e tutte le altre attività del campo food, è il futuro, ma sono fiducioso - conclude - che gli aiuti e le misure per tutelarci arriveranno".

McDonald's riapre in Veneto con i servizi McDelivery, McDrive e da asporto. Sul sito della catena multinazionale è disponibile l'elenco dei ristoranti interessati dalla riapertura e le informazioni sui servizi disponibili.

Sin dall'inizio, McDonald's ha affrontato la situazione dovuta alla diffusione del Coronavirus con la massima attenzione e responsabilità, mettendo al primo posto la sicurezza e la salute dei propri 24.000 dipendenti in tutta Italia. E poi, da ieri, con il McDelivery, che prevede consegna senza contatto, sia ai rider, all'esterno del ristorante, sia al cliente.

Dalle 18 alle 22 sarà possibile ritirare l'ordine, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza e di igiene sia per i dipendenti che per i consumatori. Il servizio di asporto, che partirà tra qualche giorno è disciplinato in modo molto rigoroso per garantire la sicurezza dei clienti e dei dipendenti. Il decreto del presidente del Consiglio dal 4 maggio permette gli spostamenti non solo verso supermercati e farmacie, ma anche in direzione dei negozi che vengono via via riaperti e quindi sono consentiti anche i viaggi per il ritiro del pasto d'asporto nei ristoranti o nei McDrive.