Di Maio: 'Lavoriamo per riaperture Ue a turisti il 15/6' - Politica Roma

Di Maio: 'Lavoriamo per riaperture Ue a turisti il 15/6' - Politica Roma

Una proposta da adempiere tutti insieme per ripartire anche dal punto di vista del turismo. L'obiettivo è quello di far ripartire le attività turistiche per il 15 Giugno.

Roma, 26 mag. (askanews) - "Sul turismo rischiamo che i Paesi della Ue facciano accordi bilaterali escludendo l'Italia se il ministro Di Maio non fa nulla in Europa, e questo ci penalizzerebbe fortemente visto che siamo fra quelli più colpiti dalla pandemia e quindi potremmo essere emarginati". Non solo aeroporti liberi dal 3 giugno, ma frontiere a tutti gli effetti aperti il 15. "Dobbiamo permettere alle nostre strutture di alta gamma di poter ricevere i turisti stranieri europei: è lavoro per i nostri operatori".

Il Ministro pentastellato ha poi affrontato il delicato tema del turismo, individuando nella sinergia tra le regioni nel dare indicazioni omogenee una delle soluzioni per far ripartire il turismo straniero in Italia. Nei mesi estivi l'Italia deve iniziare a riprendersi dalla crisi, ha aggiunto il ministro, ne va del nostro turismo e della nostra economia. C'è da dire che in Germania i contagi sono molto più ridotti rispetto agli altri paesi, con una mortalità di molto inferiore e già da alcune settimane ci sono stati allentamenti sulle misure restrittive, con il lockdown che non è stato esteso in tutto il paese.

"Possono tornare in Italia i 25 milioni i cittadini europei in viaggio durante l'estate in Italia dove rappresentano i 2/3 del totale degli stranieri in arrivo": è quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento alla "riapertura delle frontiere il 15 giugno annunciata dal ministro degli Esteri Luigi di Maio, sulla base dei dati di Bankitalia relativi al terzo trimestre del 2019".