Conte: "Contributi a fondo perduto per PMI legati a calo fatturato"

Conte:

Cna pertanto chiede che gli attesi e necessari indennizzi a fondo perduto siano destinati alle imprese più penalizzate dal lockdown, prioritariamente micro e piccole, e con minori possibilità di recuperare anche parzialmente il fatturato perduto.

Secondo la Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa, l'annuncio del Presidente del consiglio di un intervento da 15 miliardi nel prossimo decreto a favore delle imprese rappresenta un impegno sicuramente rilevante, in relazione al quadro di finanza pubblica delineato nel Def, ma purtroppo non adeguato a ristorare gli immensi danni non recuperabili che quasi tutti i settori dell'economia stanno accusando. Tuttavia, le informazioni dettagliate saranno contenute nel decreto aprile.

Ci saranno paletti ben precisi da rispettare poiché non tutti potranno accedere a questa opportunità e allo stesso tempo la volontà è di proporre una strada alternativa all'indebitamento per rimettere in piedi le imprese. Tra queste i famosi contributi a fondo perduto, ma anche l'incremento del bonus professionisti e partita Iva, il bonus bollette ed affitto.

Bonus colf e badanti tra 400 e 600 euro a maggio, per i lavoratori domestici.

Si interverrà sulle utenze non domestiche, con potenza superiore a 3kW, nei mesi di maggio, giugno e luglio.

Nel decreto di aprile che diventato ormai decreto Maggio ci sarà anche il bonus affitti come misura di sostegno per negozi e botteghe, già contenuto del Decreto Cura Italia.

Un credito d'imposta del 60% in compensazione sul canone di locazione che verrà probabilmente esteso anche ad altre tipologie di immobili precedentemente esclusi, come hotel e alberghi, capannoni d'azienda, bar e ristoranti, studi professionali.

Ossia lo stato si occuperà di sostenere gli imprenditori che cercheranno nuovi capitali per le proprie aziende attraverso CdP, raddoppiando l'aumento di capitale deliberato dall'impresa. Per uscirne dopo 6 anni a certe condizioni (ancora in fase di definizione) senza ritirarlo.

Saranno prese in considerazione imprese che hanno "un valore elevato per la nostra economia, in quanto al centro di intere filiere, e hanno avuto un danno elevato dall'emergenza coronavirus" ha evidenziato Patuanelli nell'intervista al Sole 24 Ore.