Petrolio, accordo Opec+ su taglio produzione 9,7 mln barili al giorno

Petrolio, accordo Opec+ su taglio produzione 9,7 mln barili al giorno

L'impegno, riporta l'agenzia Bloomberg, è tagliare la produzione di 9,7 milioni di barili al giorno, meno dei 10 milioni inizialmente previsti ma in ogni caso la riduzione maggiore di sempre.

L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e i suoi alleati guidati dalla Russia, nota come Opec+, hanno raggiunto un accordo provvisorio per tagliare la produzione con l'obiettivo di fermare la caduta libera del prezzo sceso negli ultimi giorni in concomitanza con la pandemia del coronavirus.

Si sblocca l'accordo globale sui tagli alla produzione di petrolio causa virus, dopo una maratona ininterrotta di colloqui. Il Messico ha rifiutato di ridurre la sua produzione di 400 mila barili al giorno e ha confermato la sua proposta di tagliarne 100 mila. Ecco perché gli Stati Uniti hanno deciso di prendere parte direttamente nella trattativa, con Trump impegnato in un triangolare con Putin e il principe saudita Bin Salman per raggiungere un accordo e salvare l'industria nazionale. Un'ipotesi inizialmente respinta dall'Arabia Saudita che, sotto forte pressione, avrebbe poi accettato l'offerta nella consapevolezza che la mancanza di un accordo avrebbe potuto far crollare ancora di più i prezzi del petrolio. Lo twitta il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Ho appena parlato con loro dallo Studio Ovale.

Il Messico però ha sospeso l'accordo raggiunto da tutti i membri del gruppo Opec. In calo anche la Borsa di Shanghai che indietreggia dello 0,33% a 2.787 punti. Oggi, in ricorrenza del lunedì santo, sono invece chiuse le Borse di Hong Kong, Australia, Nuova Zelanda e le Borse europee.