Il lunedì nero del petrolio: meno 37 dollari. Prima volta nella storia

Il lunedì nero del petrolio: meno 37 dollari. Prima volta nella storia

Il derivato sul greggio con scadenza a maggio 2020 è crollato fino a un valore negativo di -37,6 dollari al barile, una contrazione del 305% rispetto alla chiusura del giorno precedente.

La Russia, che ha aderito a un patto OPEC + per frenare le forniture di petrolio, ha deciso di ridurre la sua produzione di 8,5 milioni di barili al giorno di inizio, a partire dal 1 ° maggio, da una base di 11 milioni di barili. I contratti sul Wti consegna giugno lunedi' hanno toccato un minimo a 6,47 dollari, trattano oggi in area 17 dollari.

Il calo dei prezzi insieme all'attesa di una ripresa dell'attività economica in autunno si è tradotto nel fenomeno di mercato chiamato 'contango', in cui i prezzi delle commodity sono più alti per il futuro di quanto non lo siano per il presente.

Inoltre, il progetto petrolifero azero-Chirag-Guneshli dell'Azerbaigian dovrà ridurre drasticamente la produzione da maggio in poi, poiché il produttore di petrolio adempie agli impegni previsti dall'accordo per tagliare la produzione, hanno riferito a Reuters quattro fonti. Una delle maggiori scommesse della storia basate sul contango risale al 1990 quando Phibro, divisione di Salomon Brothers, aveva fatto scorte di petrolio a basso prezzo parcheggiandolo in cisterne e autobotti poco prima che l'Iraq invadesse il Kuwait e le quotazioni del greggio schizzassero.

Il prezzo del future sul petrolio WTI con consegna a giugno viaggia invece intorno ai 20 dollari al barile.

Il prezzo aveva iniziato la sua discesa vertiginosa con la diffusione del coronavirus. La pandemia ha paralizzato l'economia, facendo crollare la domanda di petrolio. Tenendo conto delle politiche industriali delle amministrazioni Trump e Trudeau pensiamo che difficilmente i due Paesi interverranno ponendo un limite alla produzione, anche considerando che a prezzi così bassi gli imprenditori privati di shale oil saranno costretti a rendere inattive molto trivelle, come hanno dimostrato i numeri pubblicati da Baker Hughes sulle trivelle attive nelle ultime settimane. Il prezzo del petrolio rimane sotto pressione, fattore che nel medio periodo potrebbe portare alla fallimento di numerose compagnie petrolifere statunitensi, coloro che producono il petrolio WTI.