Gravina sul ritorno in campo: "Ipotesi attuale è il 20 maggio"

Gravina sul ritorno in campo:

I calendari che si stanno cercando di anticipare, quanto sono affidabili?

Intervenuto a TuttoMercatoWeb Radio, il presidente della Figc, Gabriele Gravina ha spiegato quando sarà possibile far ripartire i campionati: "Nessuno oggi come oggi è in grado di fare previsioni finché l'emergenza sanitaria terrà sotto scacco la società". E' una emergenza unica per il mondo, che ha aggredito ogni settore, anche economico. L'ipotesi è partire dal 20 maggio, massimo primi di giugno, per finire a luglio. Sono delle ipotesi, un messaggio di speranza per tutti i cittadini. Andare oltre queste date? Andare anche oltre il 30 giugno, addirittura si è parlato anche di agosto e settembre. "Noi siamo attenti e rispettosi, oggi nessuno può fare previsioni, ma programmare è un dovere".

La UEFA sta provando a portare a termine questa stagione, usando anche i mesi estivi.

Continuando a parlare di date, Gravina non ne ha di definitive: "Non ce ne sono al momento". Anche a livello internazionale si vive nell'incertezza. La priorità assoluta è chiudere i campionati nazionali, oggi è stata adottata una ulteriore decisione, spostare le finestre per le Nazionali liberando la finestra del 1-9 giugno. Abbiamo ulteriore disponibilità di tempo per completare le manifestazioni nazionali.

"Non è una buona soluzione, ma è un'idea, su cui stiamo lavorando. La ripartenza deve esserci e il protagonista deve essere il terreno di gioco". Sarebbe un'ingiustizia per chi stava meritando sul campo. Annullare credo sia abbastanza complicato, con un campionato che ha visto la disputa di oltre due terzi delle gare. Avremmo un'emergenza legale in un'emergenza epidemiologica. La seconda riflessione è l'indicazione, nell'interesse internazionale, nelle società che dobbiamo indicare per Champions e Europa League. Non è il momento per questi ragionamenti, ma comunque mi pare ovvio ad esempio che in serie B le uniche due squadre che potrebbero avere diritto a sentirsi in A sono le prime due in classifica, dato che dalla terza si giocano i playoff. "Farò di tutto per la definizione dei campionati in campo, una estate in tribunale non sarebbe un atto di grande responsabilità".