Fattura elettronica: rinviato il tracciato obbligatorio

Fattura elettronica: rinviato il tracciato obbligatorio

Slitta, dunque, di tre mesi il ricorso obbligatorio alle nuove tecniche di fatturazione elettronica.

Doppia chance per la trasmissione delle fatture elettroniche tramite Sdi. Il provvedimento del 28 febbraio, ricordiamo, faceva scattare l'utilizzo delle nuove regole di trasmissione a partire dal 4 maggio 2020 pur consentendo, fino al 30 settembre 2020, anche l'utilizzo del tracciato approvato il 30 aprile 2018.

"In considerazione dell'attuale situazione emergenziale dovuta alla crisi epidemiologica COVID-19 e recependo anche le istanze degli operatori e delle associazioni di categoria, con il presente provvedimento sono modificati i termini di utilizzo della nuova versione delle specifiche tecniche della fatturazione elettronica approvate con il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate n. 99922 del 28 febbraio 2020".

A partire dal 1° ottobre 2020 e fino al 31 dicembre il Sistema di Interscambio accetterà fatture elettroniche e note di variazione predisposte con ambedue le versioni delle specifiche tecniche. Più nel dettaglio, a partire dal 1° ottobre 2020 e fino al 31 dicembre 2020 il "Sistema di interscambio" accetterà fatture elettroniche e note di variazione predisposte, sia con il nuovo schema allegato al Provvedimento in commento, sia con lo schema attualmente in vigore (versione 1.5, approvata con il Provvedimento 30 aprile 2018). Dal 1° gennaio 2021, però, il sistema rifiuterò le fatture non emesse con il nuovo tracciato Xml.

In recepimento delle richieste degli operatori l'Agenzia comunica che nella nuova versione dell'Sdi denominata appunto 1.6.1 per alcune specifiche tecniche sono state aggiornate le date di fine validità per taluni codici ed è stata modificata la data di entrata in vigore di taluni controlli.