Coronavirus: è morto il pianista jazz Ellis Marsalis

Coronavirus: è morto il pianista jazz Ellis Marsalis

New Orleans, la sua città natale, gli ha intitolato nel 2007 l'"Ellis Marsalis center of Music", e nel 2008 è stato ammesso nella Louisiana Music Hall of Fame riconoscendo la sua importanza come formatore di talenti del jazz che hanno poi fatto la storia in tutto il mondo negli ultimi decenni.

Con grande tristezza annuncio la morte di mio padre, Ellis Marsalis Jr., a causa delle complicazioni del coronavirus.

I suoi figli, riconoscenti verso il padre che è stato per loro un' ottimo insegnante, hanno voluto omaggiarlo incidendo insieme a lui Father and Sons nel 1982.

La carriera di Ellis Marsalis Jr. È morto come viveva: accettando la realtà.

Diciamo addio, con tristezza e cuore pesante a Ellis Marsalis, uno degli artisti e insegnanti di musica più famosi del suo tempo e di tutti i tempi.

Il Covid-19 non fa distinzioni nella sua spietata epidemia e ha falciato anche una leggenda del jazz internazionale.

L'altro figlio, il famoso trombettista e compositore Wynton Marsalis, ha pubblicato su Twitter foto di se stesso con suo padre, con l'epitaffio "Ellis Marsalis, 1934 - 2020". Quattro dei sei figli di Marsalis sono figli d'arte, e hanno seguito le orme del padre, costruendosi una carriera nel mondo della musica: Wynton è direttore artistico del Jazz at Lincoln Center e vincitore di numerosi premi, mentre Branford è un sassofonista jazz, che ha registrato album con artisti del calibro di Sting.