Coronavirus, morto il nonno di Fabio Rovazzi: l'addio su Instagram

Coronavirus, morto il nonno di Fabio Rovazzi: l'addio su Instagram

E' apparso pochi minuti fa, sull'account Instagram di Fabio Rovazzi, l'ennesimo messaggio straziante di questi tempi tristi segnati dall'epidemia.

Siamo soliti infatti vederlo scanzonato durante tutte le attività che fa, a metà tra YouTube, televisione e mondo della musica, ma la verità è che sta semplicemente recitando un personaggio: il ragazzo infatti ha un cuore d'oro e non dimentica la famiglia e soprattutto chi gli ha fatto del bene. Ma alla fine questo maledetto virus ha bussato alla tua porta. Dice che secondo lui, non era certamente quello che si meritava il caro nonno.

Il cantante ha scritto un messaggio bellissimo per il nonno che non ce l'ha fatta a vincere questa dura battaglia contro il virus, nonostante abbia combattuto con tutte le sue forze. E' stato costretto ad arrendersi all'evidenza nella giornata di oggi.

Nella mattinata di questo venerdì 3 aprile, sul profilo Instagram ufficiale di Fabio Rovazzi è apparsa una tragica notizia che riguarda il nonno dell'artista, il quale è morto a causa del Coronavirus. Sei partito da gommista - ha poi così ricordato il percorso di vita del nonno - e sei volato in Argentina diventando dirigente di una delle più grosse multinazionali del mondo.

"Sei sempre stato il mio esempio di vita e lo sarai sempre nonostante l'assenza di quest'ultima", scrive. Mi sbagliavo. La morte piano piano prende tutti - ha aggiunto il cantante -, non capisco perché debba prendere sempre prima del dovuto tutti quelli a cui tengo.

"Dentro di me sapevo che prima o poi questo giorno sarebbe arrivato ma... scusami non riuscirò mai ad abituarmi a queste cose".

Lo youtuber, 26 anni, che nel 2010 ha perso anche il papà, condivide in rete bellissime foto ricordo, con parole commosse che ripercorrono il tempo passato insieme: "Con te ho passato gran parte della mia infanzia e credo che tutto quello che sono oggi per la stragrande maggioranza lo devo a te". Mi hai insegnato che la tenacia e la forza di volontá sono alla base di tutto" Rovazzi racconta che suo nonno ha iniziato a lavorare come gommista per poi volare in Argentina: "diventando dirigente di una delle più grosse multinazionali del mondo. Hai sempre filmato tutto, chissà da chi ho preso la passione per i video. "Ogni volta che succede una parte di me crolla e un altra diventa più forte perchè sa che dovrà andare avanti sempre più sola", aggiunge Rovazzi.

Il cantante avrà un ricordo incancellabile grazie anche alle parole, ai video, alle lettere, a tutto quello che il suo grande nonno gli ha lasciato: "Tramandare i ricordi è stato fondamentale per te: penso che tu sia l'unico nonno al mondo che in eredità mi ha lasciato terabyte di video storici di famiglia, con annesse lettere e spiegazioni di ogni situazione. Grazie di cuore. Sei stato il miglior nonno che si possa desiderare". "Sei stato il miglior nonno che si possa desiderare".