Terremoto sul confine Slovenia-Croazia, due scosse di 5,3 e 4,9 gradi

Terremoto sul confine Slovenia-Croazia, due scosse di 5,3 e 4,9 gradi

Avvertita la scossa a Pesaro.

Brutte notizie provenienti anche dalla Croazia con due scosse di terremoto di magnitudo 5.4 e 4.6 registrate vicino a Zagabria, capitale della Croazia.

I vigili del fuoco stanno lavorando senza sosta, e anche l'esercito croato è entrato immediatamente in servizio per aiutare la città.

In un primo momento il giovane era stato dato per morto, ritrovato schiacciato in seguito al crollo di un palazzo. Fortunatamente poi ha dato segni di vita ed adesso lotta per non morire. E ieri, dopo il Terremoto, non si sono tirati indietro: oltre mille "cattivi ragazzi" armati di mascherine, hanno assistito come potevano i soccorritori.

Il terremoto ha provocato ingenti danni nella città: è quanto emerge dalle foto e dai video pubblicati dai media locali.

Il governo ha diffuso un messaggio alla popolazione anche in virtù dell'emergenza coronavirus. Lo riporta l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. La scossa si è originata a dieci chilometri di profondità. Perchè 37 minuti sono un istante geologico, e se l'energia sprigionata in due scosse fosse stata invece concentrata in un unico sisma, allora staremmo commentando una catastrofe con gravi conseguenze anche in Slovenia e Friuli Venezia Giulia.