Rammstein: il cantante Till Lindemann ricoverato in terapia intensiva per coronavirus

Rammstein: il cantante Till Lindemann ricoverato in terapia intensiva per coronavirus

E, in ordine cronologico, l'ultimo a farne le spese è stato il frontman dei Rammstein, Till Lindemann. A quanto pare, sembrerebbe che Lindemann abbia iniziato a manifestare i primi sintomi durante il viaggio di ritorno dal recente Tour. E proprio dopo esser tornato a Berlino, il frontman dei Rammstein si sarebbe sentito male: prima la febbre, poi la tosse con seri problemi respiratori.

A riportarlo è il quotidiano tedesco "BILD": il leader della band tedesca sarebbe ricoverato in gravi condizioni nella terapia intensiva di un ospedale di Berlino, e sarebbe stato per un periodo addirittura in pericolo di vita. Ha scritto la band metal tedesta sulla pagina Facebook, aggiungendo: "Ha la passato la notte lì, in terapia intensiva, ma fortunatamente già è uscito".

Quando ha sentito segni di debolezza ha effettuato il test risultando così positivo al Covid-19.

Fortunatamente per i Rammstein, per Lindemann, per la sua famiglia e per l'industria musicale in generale, il cantante ora verte in buone condizioni e presto potrà tornare anche a casa.