Portogallo, morto 14enne: è la vittima più giovane del virus

Portogallo, morto 14enne: è la vittima più giovane del virus

Vitor Godinho, un adolescente portoghese, è la più giovane vittima del coronavirus registrata finora in Europa. Anche perché, purtroppo, il record che era stato stabilito dalla Francia pochi giorni fa ora è già stato battuto.

Il ragazzino si è spento nelle prime ore di domenica mattina in un ospedale vicino Porto, in Portogallo, dove era stato ricoverato nelle scorse ore. Il ragazzino non aveva altre patologie gravi, ma -secondo il quotidiano locale Publico - "soffriva di una grave psoriasi", una malattia che può indebolire il sistema immunitario.

La scomparsa ha avuto luogo nelle prime ore di domenica 29 marzo, con il personale dell'ospedale 'Sao Sebastiao' della vicina Santa Maria da Feira che non ha potuto fare niente per salvare la vita dell'adolescente.

Tutta la città è stata sottoposta a lockdown, isolamento sanitario e controlli in quanto considerata come focolaio: la stessa è controllata sia in entrata e sia in uscita ed è stato predisposto un ospedale da campo al suo interno.

Il Portogallo registra 21 decessi con coronavirus nelle ultime 24 ore e il bilancio complessivo sale a 140 morti. Tantissimi i messaggi di cordoglio alla notizia della morte del ragazzino che giocava anche in una squadra di calcio a 5. Il suo team, in particolare, scrive: "Questa volta non sei riuscito a schivare questo avversario come hai fatto tante volte! Riposa in pace campione!".