La curva si attenua Ma non illudiamoci

La curva si attenua Ma non illudiamoci

"Non abbassare la guardia", è l'invito di Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), durante la conferenza stampa per presentare gli aggiornamenti sulla situazione del covid 19 in Italia.

"Stiamo osservando segnali chiari di efficacia delle misure contenimento, ma non bisogna deflettere dalle misure di distanziamento sociale".

"La Lombardia - ha continuato - ha una curva che sembrerebbe attenuare la crescita, anche il Veneto". Le misure di distanziamento potrebbero slitarre oltre il 3 aprile, e in ogni caso l'emergenza coronavirus durerà e ci vorrà del tempo per tornare alla normalità, per evitare un ritorno dell'epidemia. Di sicuro, ha detto Brusaferro, "credo che l'attenzione più grande debba essere laddove il numero di positivi è più basso: "è importante intercettare queste persone" che possono essere veicolo di contagio". Ci sono realtà diverse nel Paese, la Lombardia e aree limitrofe con fortissima circolazione, mentre in altre aree c'è una circolazione ancora limitata, dove la sfida è fare in modo che quelle aree rosa non diventino rosse", ha affermato Brusaferro, nel punto stampa all'Iss, dove ha usato l'espressione "contenimento incoraggiante" in quanto "le restrizioni adottate danno segnali positivi.

"Il presidente dell'Iss ha anche spiegato che "la pendenza" della discesa, quando ci sarà, dipenderà dai comportamenti assunti da ciascuno".

"L'età media dei contagiati supera i 60 anni delle persone con infezione. Sulla mortalità i dati confermano che i più colpiti sono i più anziani". Ma anche gli operatori delle ambulanze, dei pronto soccorso, quelli che lavorano per garantire i collegamenti tra i vari servizi.