Formula 1: Coronavirus: Hamilton attacca chi non rispetta i divieti

Formula 1: Coronavirus: Hamilton attacca chi non rispetta i divieti

Questo quanto scritto dal campione britannico, che negli scorsi giorni non ha mancato di usare Twitter per comunicare il suo stato di salute e rassicurare i fan preoccupati per i recenti rumors che lo vedevano positivo al virus.

"Sto pregando per coloro che lavorano nei negozi, nelle consegne, nel settore medico e sanitario, che mettono a rischio la propria salute per aiutare gli altri e far funzionare i paesi". Hamilton ha risposto alle voci dicendo di non aver alcun sintomo, ma di essersi messo in isolamento volontario; il sei volte campione ha spiegato di non aver fatto il tampone in modo tale da lasciarlo a chi ne avesse bisogno. "Questi sono eroi. Per favore gente, restate al sicuro". E poi ci sono numerose situazioni contrattuali di driver da risolvere, con Lewis Hamilton, Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel tutti a scadenza di contratto alla fine di quest'anno, mentre i team avranno anche numerosi accordi di sponsorizzazione che non saranno rinnovati nel 2021. Con queste parole Hamilton si è voluto appellare alle centinaia di migliaia di persone che lo seguono sui social network. So che la maggior parte di noi ha una conoscenza limitata del perché e di come è successo.

"Non c'è niente che possiamo fare al riguardo se non isolarci per evitare di contrarre il virus e diffonderlo".

Nella parte finale del suo intervento Hamilton ha puntato il dito contro gli "irresponsabili" e gli "egoisti": le persone che vanno in giro come se nulla fosse, che vanno in discoteca, nei bar, che partecipano ai raduni.

L'inglese, si è soffermato in particolare sul comportamento delle persone che continuano a comportarsi come farebbero nella vita normale, non rispettando le regole.

"Se potete, provate a prendervi questo tempo per valutare la vostra vita e la vostra situazione e come potreste voler cambiare le cose per andare avanti in modo migliore. Diamo la vita troppo per scontata".