Coronavirus, Von der Leyen: "Italiani non siete soli"

Coronavirus, Von der Leyen:

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leien ha rivolto agli italiani un commovente videomessaggio di solidarietà nei confronti del Bel Paese. "In Europa stiamo seguendo con preoccupazione e anche con profondo rispetto e ammirazione quello che state facendo". La commissaria annuncia che sarà "in contatto regolare con i ministri per coordinare le misure necessarie". Ma certo che sì.

"Ma anche l'economia ha bisogno di aiuto", precisa von der Leyen. Von der Leyen ha espresso "apprezzamento" per gli sforzi del governo italiano, riconoscendo gli "oneri sociali ed economici che la crisi impone alla popolazione".

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Bruxelles, 11 mar - 'Cari italiani, in questo momento difficile, voglio dirvi che non siete soli.

Un fondo da 25 miliardi di euro a sostegno del sistema sanitario, delle Pmi, del mercato del lavoro e delle parti più vulnerabili dell'economia, colpite dall'epidemia: dall'Ue arriva tutto il sostegno sperato dall'Italia.

"Sono i nostri colleghi, i nostri amici e la nostra famiglia Ue".

Sarà vero? Lo dimostreranno i fatti, cioè le risorse che l'Unione deciderà di assegnare. La crisi colpisce duramente il settore sanitario, che è sotto pressione con un numero crescente di persone da curare. "Dobbiamo agire rapidamente, agire insieme e portare aiuto", ha aggiunto. "Ho chiesto ai miei commissari di collaborare con l'industria per incrementare la produzione di tali attrezzature". Stiamo anche collaborando con l'industria farmaceutica per aumentare l'offerta di medicinali. Ad esempio le Pmi, come alberghi, ristoranti o imprese di trasporto, stanno vivendo grandi difficoltà a causa delle cancellazioni dei viaggi. Sono consapevole del fatto che quasi il 70 per cento dei negozi sia chiuso in Lombardia. E ha un impatto su molti settori economici. Allo stesso tempo ci assicureremo che gli aiuti di Stato possano essere concessi piu' facilmente alle imprese in difficolta'. Questa iniziativa - dice - dovrebbe finanziare investimenti per 25 miliardi di euro per l'intera Ue in tempi molto rapidi.

Accanto alla multa di 7,5 miliardi l'UE ha affiancato altri 80.000 euro per ogni ulteriore giorno di ritardo nell'adempimento degli obblighi citati.

Finora nessun leader dell'Unione aveva mai parlato in termini così benevoli e "affettuosi" verso l'Italia. La stessa von der Leyen ha ammesso che bisogna agire in fretta.