Coronavirus, Rana aumenta lo stipendio ai suoi dipendenti

Coronavirus, Rana aumenta lo stipendio ai suoi dipendenti

Da assicurazioni e "bonus bebè" a veri e propri aumenti salariali, assieme a grosse donazioni per il sistema sanitario messo a dura prova per l'emergenza Coronavirus.

Uno splendido gesto da parte di un imprenditore che lascia tutti a bocca aperta: Giovanni Rana ha deciso di attuare un piano da 2 milioni di euro per corrispondere un aumento salariale ai suoi 700 dipendenti. Non solo, la famiglia Rana, insieme a tutti i dipendenti e collaboratori del Pastificio Rana, ha diffuso una nota pochi giorni fa in cui spiegava: "Desideriamo esprimere la più profonda gratitudine verso tutti coloro i quali sono impegnati in prima linea per affrontare questa emergenza".

Il piano è retroattivo, con decorrenza dal 9 marzo, e coprirà anche il mese di aprile. Tra le misure previste vi sono una maggiorazione dello stipendio del 25% per ogni giorno lavorato, e un "ticket" mensile straordinario di 400 euro per le spese di babysitting.

Con questo piano aziendale, adesso, Gian Luca Rana da un supporto immediato e concreto ai suoi dipendenti, che eroicamente stanno continuando a lavorare. La Fedon Spa di Vallesella (Belluno), leader nella fabbricazione di astucci per occhiali, ha stipulato una copertura sanitaria straordinaria che prevede un'indennità di 100 euro al giorno in caso di ricovero da Covid-19, e un'indennità da convalescenza di 3.000 euro alla dimissione. Ma Rana ha fatto anche di più.