Coronavirus, Lopalco: "Fine dell'epidemia? Forse in estate"

Coronavirus, Lopalco:

Anche in Puglia si conferma, quindi, il dato epidemiologico: la task force regionale, infatti, ha costruito il piano ospedaliero per affrontare l'emergenza Coronavirus ipotizzando uno scenario che vede la metà dei contagiati bisognosi di assistenza ospedaliera, con un 10-15% costretto a ricorrere alla terapia intensiva. "In Puglia - spiega il professore dell'Università di Pisa - il numero di nuovi casi è da qualche giorno costante".

Lo scienziato ha voluto precisare che: "Se dobbiamo cercare di ragionare in maniera fredda dobbiamo concentrarci sul concetto di velocità". Un obiettivo che deve essere raggiunto "con estrema cautela, non sicuramente nell'arco dei prossimi mesi". Io non credo che stia succedendo nulla di strano rispetto all'andamento naturale di questa epidemia. Più probabilmente, ha sottolineato intervenendo ad Agorà su Rai 3, l'estate "potrebbe essere il punto di svolta per lo stop della norma che impone di rimanere a casa. Le misure vanno mantenute fino a quando tutti i focolai sono spenti".

"Le ipotesi fantasiose che ho sentito - continua Lopalco - a proposito di una correlazione con lo smog o che il virus in Lombardia è più aggressivo non hanno evidenze scientifiche".

Le metropolitane delle citta' "vanno chiuse se non si riesce a gestirle in sicurezza, con pochissime persone per corsa". In termini epidemiologici il fenomeno va spiegato proprio con il concetto di velocità.