Coronavirus Gb, Johnson: "Rischiamo di essere travolti come Italia"

Coronavirus Gb, Johnson:

"Eppure i loro medici e infermieri sono stati totalmente travolti dall'emergenza".

Sale a 281 il numero dei morti per coronavirus nel Regno Unito, con 48 nuovi decessi.

In un messaggio diffuso sabato sera per la Festa della Mamma, che oltremanica cade oggi, Johnson ha sollecitato i compatrioti a non uscire di casa neppure per visitare le madri.

Boris Johnson ora ha paura e fa un passo indietro cercando di proteggere il suo Paese dall'emergenza coronavirus.

Mentre la pandemia continua a diffondersi in tutto il mondo, i governi, le aziende e gli investitori sono alle prese con la più grande crisi sanitaria dai tempi dell'influenza spagnola del 1918, il che sta gettando nel panico le persone e i mercati finanziari a livello globale. "A meno che non agiamo tutti insieme, con uno sforzo nazionale eroico e collettivo per arginare la diffusione, è probabile che anche il nostro servizio sanitario venga travolto".

"Gli italiani hanno un superbo sistema sanitario". Ai soggetti più vulnerabili nel Regno Unito, circa 1,5 milioni di persone, è stato indicato di restare in isolamento per 12 settimane per proteggersi dalla pandemia di Covid-19. 233 sono i deceduti, mentre i guariti 65.

Johnson ha dichiarato che è straziante dover interferire con la libertà dei cittadini britannici, ma che è assolutamente necessario rallentare la diffusione del virus. Jenrick ha assicurato che le medicine necessarie a queste persone saranno garantite a domicilio dalle farmacie di quartiere e il cibo e le forniture essenziali dal consiglio circoscrizionali locali e dai supermercati, con l'aiuto di volontari e di militari allertati ad hoc.