Ubi banca: 2.000 esuberi e 175 filiali verso la chiusura

Il piano industriale di Ubi Banca prevede la riduzione di personale per circa 2.030 risorse, incluse le circa 300 persone oggetto dell'accordo sindacale del dicembre 2019, il cui costo è già stato spesato nei risultati dello scorso esercizio, garantendo tuttavia un parziale ricambio generazionale.

UBI Banca prevede un pay-out ratio medio nei 3 anni di piano pari al 40% dell'utile. Ci saranno quindi una serie di interventi di razionalizzazione degli immobili, spiega una nota della banca, per consentirne una gestione maggiormente efficiente. Dopo Unicredit, che ha già annunciato la chiusura di diverse filiali, un altro istituto di credito pronto a dismettere. Ubi Banca ha presentato il piano industriale al 2022 e prevede di realizzare 665 milioni di euro di utile netto, mantenendo in media un livello di destinazione dei profitti ai dividendi pari al 40%. La cifra configura un tasso di crescita annua dello 0,3%, "in uno scenario conservativo di tassi negativi e di crescita bassa". Le rettifiche su crediti sono attese scendere a 387 milioni nel 2022, dai 738 del 2019, "che comprendevano le maggiori rettifiche legate alle cessioni massive".