Rivoluzione Milan, spunta l’idea Braida: il possibile ruolo

Rivoluzione Milan, spunta l’idea Braida: il possibile ruolo

Del possibile ritorno di Ariedo Braida al Milan ha parlato Tuttosport. Per altro, il nome di Braida era emerso anche in relazione alla presunta trattativa tra Elliott e Bernard Arnault per l'acquisizione, da parte del magnate francese proprietario del gruppo di lusso LVMH, del pacchetto di maggioranza del Milan ... Perché i prossimi quattro mesi non saranno decisivi soltanto per la panchina, ma anche per quanto riguarda l'attuale dirigenza.

A causa delle vedute differenti in dirigenza, sarà rivoluzione in ogni caso per il quotidiano.

E spunterebbe così anche l'idea relativa al 73enne friulano, icona vincente del Milan berlusconiano e reduce dall'esperienza al Barcellona. Non è ancora chiaro, al momento, quale ruolo andrebbe a ricoprire Braida nel nuovo Milan, giacché molto dipenderà da chi sarà ancora al comando del club nel prossimo mese di giugno.

Ma chi è praticamente certo del posto in tal senso è Ivan Gazidis, il quale continua a godere della totale fiducia di Elliott Management Corporation. Sono invece in calo le quotazioni di Paolo Maldini descritto stanco di questi due anni travagliati, mentre sarebbe in bilico Zvonimir Boban importante però per i rapporti con Fifa e Uefa.

Braida non avrebbe problemi a collocarsi nel club e probabilmente andrebbe a ricoprire una carica istituzionale.

A meno che, ha ipotizzato 'Tuttosport', non lo si voglia rimettere sul campo, nell'antico ruolo di direttore sportivo, oggi occupato da Frederic Massara. Se a fine stagione Maldini dovesse salutare, non è detto che Braida non possa affiancare Boban nell'area tecnica del club.