Precipita ultraleggero, a bordo c'erano due persone: morti istruttore e allievo

Precipita ultraleggero, a bordo c'erano due persone: morti istruttore e allievo

Si chiamava Stefano Baldo, secondo quanto confermato a Livesicilia, il pilota morto stamani a bordo di un ultraleggero. Si tratta di un ultraleggero dell'Aeroclub Catania, un Tecnam P2002. La tragedia è avvenuta nelle campagne tra Francofonte e Lentini. Sul posto sono intervenuti anche la polizia, con personale della squadra mobile della Questura di Siracusa e i vigili del fuoco del distaccamento di Lentini. Il pilota, nonostante la giovane età, era considerato esperto e aveva già il brevetto da istruttore di volo. Accanto a lui c'era l'allievo Gioele Bravo, di 20 anni, originario di Aosta. "Il rugby e il volo erano le due grandi passioni di Tommaso, alla cui famiglia vanno le più sentite condoglianze della Federazione Italiana Rugby" scrive la Fir in una nota.

Da una prima ricostruzione, il velivolo era decollato dalla vicina aviosuperficie Reno Air Club di Argelato e, dopo avere compiuto alcune evoluzioni sul fiume Reno, è precipitato finendo contro l'argine del fiume e prendendo fuoco. Il velivolo, per cause tutte da accertare, ha perso improvvisamente quota schiantandosi al suolo in una zona di campagna. Sul posto si sono recati anche gli ispettori dell'Agenzia nazionale sicurezza volo e dell'Ente nazionale aviazione civili per gli accertamenti del caso. Sull'incidente aereo la Procura di Siracusa ha aperto un'inchiesta.