MotoGp, test in Qatar: Quartararo al top, nuovo forcellone per Dovizioso

E' un segnale difficile da ignorare in merito alla competitività della Suzuki, quasi un campanello d'allarme per tutti quanti. Ottavo tempo per la Ducati di Andrea Dovizioso, nona la Yamaha di Valentino Rossi. Terzo posto per Maverick Viñales, a 226 millesimi. A seguire abbiamo la prima Ducati con Danilo Petrucci in quarta posizione (41 giri), poi Franco Morbidelli con la Yamaha Petronas in quinta (57 giri). Ma non solo, perché è incappato anche in una caduta piuttosto violenta, nella quale la sua RC213V è andata letteralmente distrutta.

Dovi-Marquez in futuro? In merito alla possibilità di fare coppia con Marquez nella stessa scuderia in futuro, Dovizioso precisa: "Non credo sia possibile, credo sia fantascienza, anche se mi piacerebbe tanto confrontarmi con un campione come lui, così come mi sarebbe piaciuto confrontarmi con un pilota fortissimo come Vinales".

A oggi, nonostante un altissimo livello tra i top rider della MotoGp, sembra che nessuno possa impensierire il campione in carica, l'unico capace di manifestare una superiorità a tratti disarmante per gli avversari. "Mi sento bene sulla moto e ho un buon passo".

In termini di posizioni, il test odierno è forse quello che ha visto la KTM 2020 più indietro rispetto a tutti gli altri. Le quattro RC16S si trovano piuttosto compatte nella graduatoria, con Binder 16° (53 giri), Oliveira 18° (42) e Lecuona 20° (47).

"Cercherò di stare nel gruppo di testa". Qui i risultati e l'analisi dei passi gara.