Influenza, in Italia diminuisce lentamente il numero dei casi

Influenza, in Italia diminuisce lentamente il numero dei casi

Influenza in calo, finalmente per fortuna. Ad affermarlo è Gianni Rezza, a capo del Dipartimento Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che ogni settimana rilascia il bollettino InfluNet con i dati sulla diffusione dei virus in Italia. Nella sesta settimana del 2020, ossia quella che è andata da lunedì 3 a domenica 9 febbraio, il numero dei casi di sindrome simil-influenzale inizia lentamente a diminuire. Questo quanto annunciato dall'Azienda sanitaria provinciale in un comunicato stampa ufficiale con i dati della sesta settimana del 2020, ovvro il periodo di "picco" dell'influenza stagionale. Il numero di casi suggerisce che ci troviamo ormai nel picco della stagione influenzale, anche se secondo Rezza "l'andamento dei contagi è ritardato rispetto all'anno scorso".

Il livello di incidenza raggiunto si colloca all'interno della soglia di intensità media.

Ad essere colpiti sono maggiormente i bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un'incidenza pari a 38,3 casi per mille assistiti. Nella fascia di età 5-14 anni a 28,37. La popolazione degli assistiti in sorveglianza è mediamente pari a 1.446.150 assistiti per settimana (range: 1.092.910 - 1.503.993) pari al 2,4% dell'intera popolazione italiana.

I casi registrati dall'inizio della sorveglianza, vale a dire da fine autunno, sono stati 41.500 ovvero il 12% della popolazione trentina.