Impeachment.Fallito il tentativo dei dem di portare nuovi testimoni in aula

Impeachment.Fallito il tentativo dei dem di portare nuovi testimoni in aula

Manca ancora la comunicazione ufficiale, ma alcuni media Usa hanno anticipato la notizia.

"Una vergogna" la decisione presa dall'aula secondo il capogruppo dei democratici Schumer, che ha accusato il Senato di volersene lavare le mani: "È una immane tragedia, una delle peggiori, che si abbatte sul Senato".

Il senatore repubblicano McConnell ha dichiarato: "Non c'è bisogno che il Senato riapra un'inchiesta che la maggioranza democratica della Camera ha scelto di concludere e che loro stessi continuano a descrivere come "travolgente" e "al di là di ogni dubbio". E al centro vi è Donald Trump.

Con 53 sì e 47 no, arriva il via libera al voto sugli articoli di impeachment contro il presidente Donald Trump. Solo Mitt Romney e Susan Collins si erano dichiarati pronti a sostenere l'istanza dei democratici, che così erano arrivati a contare 49 voti sui 51 necessari. Forse oggi stesso. Il senatore Lamar Alexander, incerto se votare la mozione con cui si chiedono nuove testimonianze, ha sciolto la riserva e affermato che si esprimerà in modo negativo. "L'America ricorderà questo sciagurato giorno", ha scritto Donald Trump sui social network. Se anche Murkowski si fosse unita a loro, comunque, sul 50-50 i dem avevano preannunciato l'intenzione di chiedere al capo della corte suprema, che presiede il dibattimento, di dare il suo voto decisivo. Ma, secondo gli esperti, difficilmente John Roberts - nominato da George W. Bush - avrebbe fatto un passo del genere, assumendosi la responsabilità di condannare il presidente.

Probabile, dunque, l'assoluzione di Donald Trump, il quale potrebbe utilizzare questo procedimento a suo favore nelle prossime elezioni presidenziali del 2020.

Il consigliere per la sicurezza non fece mai quella telefonata, e quando realizzò la portata e lo scopo delle pressioni cominciò ad obiettare. Nel libro, dal titolo "The Room Where It Happened: A White House Memoir", Bolton sostiene che Trump gli disse, nell'agosto scorso, di voler legare il blocco dei fondi destinati all'Ucraina per la sicurezza all'avvio di un'indagine della procura speciale di Kiev nei confronti di Hillary Clinton e Joe Biden.

Repubblicani e democratici avrebbero deciso di fare un break nel weekend, anche per permettere ai tre senatori candidati alla Casa Bianca (Sanders, Warren e Klobuchar) di fare campagna elettorale alla vigilia delle primarie democratiche in Iowa. Lunedì le arringhe di accusa e difesa.