Gravina: "Probabilmente Serie A a porte chiuse. Ispirati dal buon senso"

Gravina:

Queste le parole del presidente della Federcalcio Gabriele Gravina al termine del Consiglio federale che si è tenuto oggi. Abbiamo fatto un'analisi sulle problematiche e la gestione dei giovani e, ispirati da un senso di responsabilità, abbiamo tolto tutto ciò che non è indispensabile. "Ho inoltrato molto presto al ministro Roberto Speranza una richiesta ufficiale per quel che riguarda Inter-Ludogorets e siamo in attesa di un riscontro, peraltro già annunciato, positivo per la disputa a porte chiuse a San Siro". Chiusura degli impianti sportivi?

Se, come tutti ci auguriamo, si sta facendo troppo allarmismo, allora è valida anche l'opzione delle partite a porte chiuse. Il rischio non è il rinvio di una partita, ma tutto il blocco del sistema che porta i ragazzi ad allenarsi tutti i giorni. Faremo un passaggio con l'Antitrust.

Sembrerebbe logico a questo punto sospendere ogni tipo di attività sportiva (come era stato scritto in un primo momento sull'ordinanza regionale, poi modificata) anche perchè gli stessi allenamenti sono momenti in cui si verificano assembramenti di persone sui campi, che anzi negli spogliatoi e nelle docce potrebbero avere occasioni di scambiarsi eventuali infezioni. "Il Governo ha previsto una serie di risarcimenti" si legge su TMW. Abbiamo dovuto diversificare le manifestazioni da quelle aperte al pubblico e non. "Dobbiamo tutti insieme collaborare per ottenere i migliori risultati".

Ci atteniamo alle ordinanze e sono chiare, al di là del ricorso a porte chiuse o meno.