Coronavirus, quarto bollettino dallo Spallanzani: "I due coniugi cinesi si sono aggravati"

Nuovo allarme per il Coronavirus: gravissimi i 2 turisti cinesi ricoverati allo Spallanzani di Roma, controlli su 2 persone all'ospedale di Sarno. Dopo il cauto ottimismo dei primi giorni, ieri il bollettino medico è diventato drammatico: "I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del coronavirus, nelle ultime ore hanno avuto un aggravamento delle condizioni cliniche a causa di una insufficienza respiratoria". Si tratterebbe però di una semplice influenza, come hanno evidenziato i primi esami di laboratorio eseguiti a Padova e ora in via di conferma da parte dello Spallanzani di Roma. "Pertanto è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva", ha dichiarato la direzione sanitaria dello Spallanzani.

Presso l'istituto sono ricoverati in questo momento 6 pazienti "sintomatici, compresi i due in terapia intensiva, provenienti da zone della Cina interessate dall'epidemia". Le loro condizioni cliniche sono stazionarie. I medici non si sbilanciano sugli esiti: le condizioni di salute dei pazienti sono "compromesse ma stabili" spiega lo Spallanzani, e continuano ad essere tenuti sotto stretta osservazione, con un monitoraggio continuo e la somministrazione di farmaci antivirali sperimentali.

Roma - Importante novità dall'Italia nella battaglia contro il coronavirus. Le loro condizioni di salute sono buone e resteranno in quarantena fino al termine del periodo previsto dalle procedure.

Altri 13 pazienti sono stati isolati nell'Istituto e dimessi dopo il risultato negativo dei test per la ricerca del nuovo coronavirus.

Da allora l'agente patogeno si è diffuso in oltre 20 Paesi, tra cui anche Stati Uniti, Australia, Francia, Germania, Svezia, Regno Unito, Spagna, Italia e Russia, portando l'Organizzazione Mondiale per la Sanità a dichiarare l'emergenza internazionale nel corso di questa settimana.