Coronavirus, in Russia due donne fuggono dalla quarantena

Coronavirus, in Russia due donne fuggono dalla quarantena

Risultata negativa ai test del coronavirus (ripetuti tre volte), Alla Ilyina era stata comunque trattenuta in osservazione per due settimane, come prassi. Le loro storie hanno richiamato l'attenzione della stampa dopo che sono state pubblicate su Instagram.

Peccato che Ilyina abbia deciso di fuggire dalla clinica dopo appena due giorni "di isolamento", scassinando la serratura magnetica. "Non capisco perché dovevo stare in una gabbia d'ospedale", ha aggiunto.

L'altra donna fuggita, Alla Ilyina, ha scritto in un post su Instagram che ha avuto mal di gola diversi giorni dopo il ritorno a San Pietroburgo da Hainan, ha chiamato i servizi di emergenza e i medici l'hanno portata nella clinica Botkinskaya per i test del coronavirus, promettendo di lasciarla andare dopo 24 ore. "Noi invece eravamo in uno stato totale di isolamento: nessun contatto tra di noi e nessun contatto con l'esterno eccetto i dottori". "Era una gabbia, non capisco perché avrei dovuto rimanere", ha raccontato al Moscow Times. "Prima ho disegnato una mappa e fatto un piano dettagliato". Quando è calata la sera e il personale medico ha abbassato la guardia, ho provocato un cortocircuito alla serratura magnetica della mia stanza di contenimento e ho aperto la porta. "La nostra Costituzione ci garantisce la libertà".