Cagliari, azione contro il razzismo: esclusione a vita per tre persone

Cagliari, azione contro il razzismo: esclusione a vita per tre persone

Con un comunicato stampa il Cagliari ha ufficializzato la decisione di interdire a vita tre tifosi dalla Sardegna Arena perché ritenuti responsabili di aver indirizzato a "giocatori avversari, parole discriminatorie e offensive di carattere razzista durante le gare disputate nel corso degli ultimi mesi". I colpevoli, individuati grazie agli steward e al personale di sicurezza dell'impianto, non potranno mai più entrare all'interno dello stadio del Casteddu. In ottemperanza al codice regolamentare in vigore, ma soprattutto a tutela dei tifosi del Cagliari, della città di Cagliari e di tutta la Sardegna, che in termini di accoglienza e rispetto non hanno certo bisogno di prendere lezioni, sono state irrogate sospensioni del gradimento perpetuo, che impediranno a chi si è macchiato di queste azioni deprecabili di entrare alla Sardegna Arena, per qualsiasi manifestazione, per sempre. La nota del Cagliari si chiude con un messaggio che ricorda come la difesa dei valori della società (e dello sport in generale) è e sarà sempre la priorità della società.

Il Cagliari si schiera con fermezza contro il razzismo, stabilendo un precedente importante nel panorama nazionale.

La squadra di Maran, partita come autorevole candidata al titolo di possibile rivelazione del torneo in virtù di una campagna acquisti di, ha così dilapidato il cospicuo vantaggio costruito grazie ad un'eccellente prima parte di stagione, tredici i risultati utili inanellati dopo le due battute d'arresto iniziali, ed ha così totalmente riaperto la corsa al sesto posto che si è ora trasformata in un minitorneo che vede coinvolte sei squadre nel giro di quattro punti e vede al momento l'undici isolano occupare l'ottava piazza, in coabitazione con Parma e Milan, a quota trentadue. Così il Presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, ha commentato l'iniziativa del Cagliari Calcio di espellere per sempre tre tifosi dal proprio stadio per comportamenti razzisti.

"Complimenti al Cagliari e al presidente Giulini per aver dato seguito con azioni concrete a quanto annunciato in tema di lotta al razzismo".