Brexit, Ue: è l'unione a fare la forza, non l'isolamento

Brexit, Ue: è l'unione a fare la forza, non l'isolamento

"Ma c'è qualcuno che vorrebbe dividerci perché ha paura di un mondo regolato". La Brexit entra in vigore con il suo periodo di transizione che durerà fino a fine anno.

Tra le mura del numero 10 di Downing Street, riferiscono fonti del governo, Johnson - che terrà un discorso alla nazione - "ha invitato amici e colleghi" per festeggiare.

Da mezzanotte la Gran Bretagna è un Paese fuori dalla Ue, dopo 47 anni di adesione, sebbene continuerà ad essere integrato nelle strutture della comunità fino al 31 dicembre.

Brexit, al Jrc non sarà una rivoluzione
Brexit, accordo con Ue in vigore da domani

Ma qui di BoJo non se ne vedono, i grillini, già forsennatamente antieuropei, si sono subito accomodati nella mangiatoia, lo stesso Salvini ha completamente abbandonato i propositi bellicosi con la scusa di voler sanare la eurometastasi da dentro, quanto a dire il risibile entrismo leninista. Bruxelles è pessimista riguardo al calendario di 11 mesi per raggiungere un accordo e ha chiarito che la Gran Bretagna dovrà accettare termini e condizioni commerciali peggiori che se fosse ancora membro dell'UE. E anche per l'Unione europea si apre un altro capitolo.

È per questo che l'avvio della Brexit è stata salutata dal Guardian - uno dei più antichi e autorevoli quotidiani del mondocon il titolo "Small Island". In quello italiano che ha sede a Ispra sono 43 i cittadini del Regno Unito di cui solo 37 con cittadinanza unica. Lunedì presenterò la bozza del mandato per la trattativa col Regno Unito. Ed allora, com'è possibile che anziché unirci ancora di più per dare delle risposte a problemi che sono di tutti, ci dividiamo incrinando inutilmente quelle flebili certezze così faticosamente costruite e raggiunte. E il rischio, che neanche la moderna gestione della casa regnante avutasi con la Megxit può aiutare a fronteggiare, è che a furia di coltivare britanniche nostalgie dell'Impero, Elisabetta II si trovi a regnare sulla small island dalla quale Elisabetta I era riuscita a gettare, grazie alla supremazia sui mari, proprio le basi dell'Impero.