Ancelotti: "Solo al Milan ho lavorato serenamente, perchè mi conoscevano"

Ancelotti:

E Napoli mi sembrava una piazza interessante... diciamo che non è finita bene, ma è stata una buona esperienza. Però superati. Ecco: forse il Milan è stato l'unico posto dove non mi hanno detto: "Usa la frusta!". Coincidenze. De Laurentiis ha detto: "Ho pensato di cambiare", io gli ho detto "Sei sicuro?", lui mi ha detto "Sì", allora io ho detto: "Ok, allora cerco un'altra squadra". "Allenare in Inghilterra è affascinante, e la società dell'Everton è ambiziosa". Se vediamo infatti lo score dell'ex Milan notiamo che solo 5 (il 50% dei match) sono le vittorie mentre le restanti cinque partite sono tutte sconfitte. Nell'intervista ha analizzato il suo esonero dal Napoli sottolineando come solo al Milan è riuscito a lavorare senza essere contestato sui suoi metodi: "Anche al Milan ci sono stati dei passaggi difficilissimi".

L'ex tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti ha rilasciato un'intervista a Beppe Severgnini, pubblicata sul Corriere della Sera. È bello! Davide è un allenatore UEFA A. In Italia non avrebbe nemmeno l'età minima, chissà perché. Il rapporto interpersonale va benissimo. Perché io sono cosi, e così sono arrivati i successi. "Nonostante sia mio figlio, il nostro è un rapporto molto professionale".

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Massimiliano Gallo, giornalista: "Il Napoli di Ancelotti era perseguitato dai tifosi e dai media e criticato oltremodo e mi spiace doverlo difendere anche perché è come se stessi qui a difendere la bellezza di Marilyn Monroe. Se tu mi dici 'Devi usare la frusta!', 'è sbagliato, è sbagliato'". Io non credo che l'Inghilterra voglia fare passi indietro. Ho vinto tanto, ma i momenti difficili ci sono stati dappertutto.