Tragedia alla Dakar, è morto a 40 anni Paulo Gonçalves

Tragedia alla Dakar, è morto a 40 anni Paulo Gonçalves

Il pilota di moto portoghese, Paulo Gonçalves, 40 anni, è morto durante la settima tappa del rally in Arabia Saudita a causa di una caduta. Ne hanno dato notizia gli organizzatori della Dakar, dopo aver fatto tutto il possibile per salvarlo trasportandolo in elicottero al centro medico più vicino, quello di Layla.

La Dakar 2020 ha ufficialmente superato il giro di boa e mentre gli equipaggi si apprestano ad affrontare la seconda metà della gara, la classifica, tanto tra le auto, quanto tra i camion, pare essere tutt'altro che delineata. Qui, però, non c'è stato nulla da fare: le ferite riportate dal pilota portoghese si sono rivelate tali che i medici hanno dovuto constatarne il decesso. Debuttò nel 2006 e ha terminato quattro volte nella top 10 ottenendo come miglior risultato il secondo posto alle spalle dello spagnolo Marc Coma nel 2015. "Tutta la carovana della Dakar esplicita le condoglianze ai suoi amici e familiari", questo è quanto è stato dichiarato sul comunicato ufficiale. Continua, invece, la scalata di Fernando Alonso che attualmente si trova in quattordicesima posizione con uno svantaggio di tre ore dal connazionale. E di questi venti sono motociclisti. Il pilota è caduto nel corso della settima tappa da Riyad a Wadi al Dawasir all'altezza del km 276. Dieci anni prima la scomparsa del motociclista italiano Fabrizio Meoni, trionfatore delle edizioni 2001 e 2002.

"Nelle moto successo di Joan Barreda davanti a Matthias Walkner (a 2'54") e Luciano Benavides (a 3'25"). Nella generale lo statunitense Ricky Brabec (Honda) conserva la testa.