Roma seconda al mondo per le ore perse nel traffico

Roma seconda al mondo per le ore perse nel traffico

"Anche con l'attuale governo della città abbiamo sentito presentazioni di tanti progetti, quelli bizzarri come le funivie, quelli sacrosanti come le tranvie delle quali si parla da decenni o i prolungamenti e le nuove metropolitane, priorità assoluta per una svolta positiva nel trasporto pubblico romano, ma non c'è niente che si sta concretizzando; il posto occupato da Roma in classifiche come questa è solo la conseguenza di tutto ciò". L'Italia è rappresentata nella top ten anche da Milano: settima con 226 ore perse in auto.

La classifica prosegue così: Dublino (246 ore), Rostov (237), Parigi (237) e Londra (227). A chiudere la classifica sono Bordeaux (223), Città del Messico (218) e Mosca (210).

Secondo il "Global Traffic Scorecard" lo studio di Inrix appena presentato, con l'analisi dei trend di mobilità e congestione urbana in 200 città di 38 Nazioni, Roma è la peggior città d'Europa per ore nel traffico, con 254 ore all'anno che ogni persona perde nella congestione stradale, al mondo, la capitale sarebbe seconda solo a a Bogotà. Fuori dalle prime dieci Firenze (195), Napoli (186 ore annue), Torino (167), Genova (148), Palermo (119).

La congestione urbana, poi, ha anche un costo, che è particolarmente elevato per gli abitanti di Boston (2.291 dollari pro capite all'anno). "Il sindaco Sala e la sindaca Raggi - conclude Bonelli - affrontino con determinazione l'emergenza sanitaria dello smog riducendo drasticamente il traffico privato nelle città e non affrontino il problema solo quando assistiamo al superamento dei limiti di legge".