NBA - La Hall of Fame sceglierà Kobe Bryant per la classe 2020

NBA - La Hall of Fame sceglierà Kobe Bryant per la classe 2020

Alla fine è andata così: nell'incidente, però, oltre a Kobe ha perso la vita anche una delle sue figlie, Gianna Maria che aveva 13 anni, oltre ad altre 7 persone.

Alle 9.39 l'ultima comunicazione del pilota: "Possiamo iniziare a virare verso sud-est in direzione della 101?".

L'ex Lakers e la moglie infatti avevano deciso che non avrebbero mai volato insieme su un elicottero per essere sicuri che, nel caso in cui fosse successo qualcosa, le bambine non sarebbero mai rimaste sole. Alle 9.44 la torre di controllo ha comunicato al pilota di volare ad una "quota troppo bassa" per proseguire il volo senza ricevere risposta e due minuti dopo il volo è scomparso dal radar.

Resta da vedere se altre franchigie seguiranno l'esempio di Dallas, ritirando la canotta numero 24: quello che è sicuro è che Spencer Dinwiddie ha compiuto un bellissimo gesto, che probabilmente ispirerà altri giocatori a seguirlo. L'intervento è stato reso piuttosto complesso dalla natura particolarmente accidentata del luogo in cui si è consumata la tragedia. Solo oggi sono state recuperate le salme di tre delle vittime, che per il momento non sono state identificate. Lo ha riferito nelle scorse ore l'ufficio del coroner della Contea della città californiana, che ha parlato anche delle difficoltà incontrate nel recupero dei corpi a causa del terreno accidentato vicino a Las Virgenes Road e Willow Glen Street: la zona di Calabasas dove si è schiantato il Sikorsky S-76 di proprietà di Kobe Bryant.