È morto il sultano dell'Oman Qaboos bin al Said

È morto il sultano dell'Oman Qaboos bin al Said

"È con tristezza che il sultanato dell'Oman piange il nostro sultano Qabus bin Said, richiamato a Dio venerdì sera", si legge in un comunicato diffuso dalla agenzia di stampa ufficiale Ona.

Nato nel novembre del 1940 quando l'Oman era ancora un protettorato dell'Impero britannico, l'incoronazione a Sultano di Qaboos bin Said coincise invece con la ritrovata indipendenza del Paese che, in epoca moderna, aveva costruito la sua ricchezza sulla tratta degli schiavi e delle armi.

Qaboos era il sovrano più longevo del mondo arabo.

Qaboos era salito al trono con un colpo di Stato (senza spargimento di sangue) spodestando il padre, Said bin Taimur, con il decisivo aiuto di Londra.

Haitham bin Tarek, ministro del Patrimonio e della Cultura e cugino del defunto monarca, ha giurato poche ore dopo come nuovo sultano. La stabilità del suo sultanato è dovuta però anche a una politica estera lungimirante che ha visto l'Oman mantenere un ruolo neutrale nelle dispute geopolitiche, ma partecipare attivamente nella mediazione delle situazioni conflittuali. La notizia è stata annunciata dalla tv di Stato e rilanciata su Twitter.

Se il consiglio della famiglia reale non fosse riuscito ad accordarsi sul successore entro 3 giorni, si sarebbe proceduto alla lettura del nome dell'erede indicato da Qaboos e chiuso in una busta sigillata.

Haitham bin Tariq Al Said, Ministro per i Beni e le Attività Culturali dell'Oman, ha prestato giuramento di diventare il sultano del paese, secondo quanto riferito dal quotidiano Omani Al-Watan.