Matteo Salvini deride le sardine di San Pietro in Casale

Matteo Salvini deride le sardine di San Pietro in Casale

Un post contestato anche dalle Sardine di Ferrara, che su Facebook hanno pubblicato invece il video integrale dell'intervento: "A nostro avviso - scrivono le Sardine - con questo post (Salvini, ndr) compie un atto di cyberbullismo" Lo stesso ragazzo, Sergio Echamanov, ancora via social ha commentato quanto avvenuto: "Le tante chiamate che mi state facendo - ha scritto il giovane su Fb - mi ricordano che esiste una Italia diversa da quella di Salvini". Il video ha il chiaro intento di mettere in imbarazzo un ragazzo che non è probabilmente abituato a parlare in pubblico. "Grazie di cuore, siete la ragione per cui continuo a lottare e ad andare avanti". Ad esempio, suggerisce l'ex Ministro del Lavoro, si potrebbe ampliare la platea di coloro che vi possono fare accesso (oggi i requisiti ci dicono 63 anni di età e 30 anni di contributi, 36 per i lavoratori gravosi). Senza rispetto per niente e nessuno, dalla sua 'bestiale' pagina partono continuamente veri e propri attacchi, anche personali.

Della questione si sta interessando la Prefettura che dovrebbe pronunciarsi nelle prossime ore dopo un confronto con forze dell'ordine e amministratori del territorio. Non siamo noi un pericolo di sciacallaggio per la città di Bibbiano, noi siamo l'anticorpo che arriva lì a presentare un'altra realta. Donne, uomini, ragazzi, persino minorenni: nessuno viene risparmiato dalla sua macchina del fango digitale.

"Il previsto arrivo di Matteo Salvini, leader della Lega, a Spezzano della Sila per un comizio pubblico, ha destato stupore e sconcerto in tutto il territorio". "Ma partirà una querela nei suoi confronti". "Il buon senso consiglierebbe che venga fatto un passo indietro, soprattutto da chi si propone per ricoprire ruoli istituzionali", ha detto Francesca Bedogni, sindaco di Cavriago e delegata ai Servizi sociali dell'Unione. "E sono contenta che Sergio abbia deciso di querelare Salvini". Condivido in pieno la sua frase: 'i libri sono l'unico modo per renderci liberi'. Alla manifestazione hanno partecipato molti studenti con in mano dei libri. "La Bestia della Lega è sempre più fuori controllo, non si ferma davanti a nulla". Salvini però questo non è in grado di accettarlo, e quindi decide di metterlo alla gogna del suo elettorato, un elettorato che se ne frega se Sergio è dislessico, un elettorato che non appena può ti colpisce dove più fa male, andando a minare le tue certezze e la tua passione. "Se Salvini avesse un briciolo di umanità e correttezza, chiederebbe scusa a Sergio Echamanov e rimuoverebbe subito quel video infame".