Il tragicomico caso del videogioco scambiato da La7 per l'attentato a Soleimani

Il tragicomico caso del videogioco scambiato da La7 per l'attentato a Soleimani

Il caso accaduto nell'ultima puntata di Atlantide in onda su La7 deve far riflettere, soprattutto perché nell'errore è stato indotta una firma autorevole come Andrea Purgatori. Sul sito di La7, la clip è stata pubblicata con il titolo "Le immagini dell'uccisione del generale Soleimani". Lo scorso 6 gennaio abbiamo pubblicato il video del blitz americano a Baghdad che ha portato alla morte del generale iraniano Qassem Soleimani. Peccato però che si tratti proprio di un videogioco, per l'esattezza di "AC-130 Gunship simulator" e che il video risalga al 2015.

Sebbene nel video si può leggere perfettamente nella parte superiore dello schermo Development Footage. Ovviamente in poco sono arrivate numerose segnalazioni e il video è stato rimosso. Rispondendo a Paolo Attivissimo che scriveva come si trattasse di un fake, Purgatori scrive: "Certo che è un videogioco, lo sapevo, ma rappresentava tecnicamente una perfetta dimostrazione di come colpisce un drone". This is a work in progress, questo non ha fermato il giornalista di La7 dal fare una pessima figura in diretta. Il conduttore, Andrea Purgatori, ha invece commentato su Twitter come segue.

Immagini in bianco e nero che mostrano un convoglio di mezzi militari in una strada non meglio precisata, il cui epilogo è una scena effettivamente di morte e distruzione. Anche ammesso che la volontà fosse quella di dimostrare come attacca un drone, il video scelto non è quello adatto in quanto il gioco simula un AC-130, ovvero un aereo tattico di taglia ben superiore a quella di un drone. Articoli, edizioni speciali, editoriali e inchieste sono piovute sui media, cercando di raccontare le dinamiche dell'omicidio e le possibili ripercussioni che lo stesso potrebbe avere su guerre e rapporti tra Stati.