Grammy, Billie Eilish fa la storia

Grammy, Billie Eilish fa la storia

Stile eccentrico, che non piace a tutti ma che la caratterizza e la rende unica, voce che incanta e travolge anche i cuori più gelidi, la giovanissima star si è portata a casa i 5 Grammys principali: è suo l'album dell'anno, la registrazione dell'anno, la canzone dell'anno, il miglior album pop solista ed è anche la Miglior esordiente.

Il primato precedente appartiene a Christopher Cross nel 1981, ma all'epoca il cantautore aveva trent'anni.

E il successo della Eilish è un affare familiare. "Grazie per questo". La giovane artista è cresciuta registrando canzoni con il fratello Finneas O'Connell, co-autore e produttore della sua musica, in una camera da letto della casa dei genitori a Los Angeles.

Nella categoria miglior album rap ha trionfato, meritatamente, Tyler The Creator.

In una delle edizioni più emozionanti dei Grammy Awards, dunque, Billie Eilish diventa la più giovane artista di sempre a vincere almeno uno degli ambiti premi, scavalcando Taylor Swift nella speciale graduatoria. Nessun sopravvissuto. Per ricordare questa tragedia, la stessa Lizzo ha dedicato la sua esibizione al campione, mentre Alicia Keys ha improvvisato la canzone "It's So Hard to Say Goodbye to Yesterday" dei Boyz II Men.

Grammy Awards 2020: si è svolta nella serata di ieri la nota cerimonia dedicata alla musica. Anche la rapper e cantante Lizzo, vincitrice di tre premi, ha omaggiato Bryant con i brani 'Truth Hurts' (Best Pop Solo Performance) e 'Cuz I Love You' (dall'album omonimo vincitore nella categoria 'Best Urban Contemporary Album').

Un Grammy anche l'ex First Lady Michelle Obama, la sua autobiografia "Becoming" (La mia storia) è stata premiata come 'Best spoken word album' nella versione in audiobook.

Altro tributo importante è stato quello a Nipsey Hussle, morto il 31 marzo del 2019 dopo essere stato colpito da alcuni colpi d'arma da fuoco, eseguito da John Legend, Meek Mill, DJ Khaled.

A Lizzo è andata la statuetta per "Miglior pop solo performance". A salire sul palcoscenico dello Staples Canter anche Demi Lovato che in lacrime ha cantato il singolo "Anyone", scritto solo quattro giorni prima dell'overdose che nel luglio del 2018 quasi le costò la vita.