Gasperini come Ancelotti sulle offese del Franchi: "Deficienti! Maleducazione inaccettabile"

Gasperini come Ancelotti sulle offese del Franchi:

Evidentemente toccato nel vivo degli affetti, Gasperini ha risposto così al giornalista che gli chiedeva degli insulti: "Sono sempre venuto da avversario, senza insultare nessuno: figlio di p... è un insulto pesante ed eccessivo".

Tra il pubblico fiorentino e il Gasp non esiste simpatia, soprattutto dopo il match di Serie A, al Franchi, della scorsa stagione, quello in cui Chiesa simulò e guadagnò il calcio di rigore che spianò la strada alla Viola verso il 2-0 con cui si chiuse il match.

"Non ho mai insultato nessuno - ha dichiarato il tecnico nel dopo-partita -". Ero motivato al massimo per la mia squadra e mi hanno gridato più volte "Figlio di p.". Mia madre ha fatto la guerra per dare la libertà di parola a quei deficienti. "Questa è maleducazione e cafonaggine, non si può accettare".

"Ci dispiace molto uscire dalla Coppa Italia - ha poi commentato Gasperini -".

"La squadra mi sembrava affaticata dopo la partita di San Siro, ma nonostante questo abbiamo avuto la possibilità di vincere la partita, ma la Fiorentina aveva più energie di noi. Pensavamo di poter vincere, ma avevamo poche energie, la Fiorentina ha voluto vincere di più". Nel primo tempo abbiamo un po' ballato dietro, la partita di Caldara però è stata positiva. Poi abbiamo creato parecchie occasioni da gol, la traversa di Pasalic è clamorosa. "La Champions è una ciliegina a parte". Ma vogliamo fare bene in campionato.