Francia, corpo di un bimbo in carrello aereo da Costa d'Avorio

Francia, corpo di un bimbo in carrello aereo da Costa d'Avorio

Fra i 9'000 e i 10'000 metri di altitudine le temperature scendono anche a -50 gradi celsius. La notizia è stata diffusa dalla compagnia aerea, che ha pubblicato un comunicato nel quale si spiegava che gli operatori di terra hanno trovato il corpo di un bambino di circa 10 anni all'interno del carrello di atterraggio.

La notizia è stata confermata anche dalla compagnia aerea francese, che parla di "passeggero clandestino" senza specificare altri dettagli, esprimendo "compassione per il dramma umano".

L'aereo risulta essere decollato martedì sera da Abidjan per atterrare nella capitale francese sei ore dopo, mentre il corpicino del bimbo è stato rinvenuto alle ore 06:40, mentre il personale dell'aeroporto stava effettuando lo sbarco dei bagagli. Inoltre la zona non è riscaldata e non è pressurizzata.

Nel luglio dello scorso anno, ad esempio, il corpo di un uomo che si era nascosto nel carrello di un aereo proveniente da Nairobi, Kenya, precipitò nel giardino di una casa di Londra durante le fasi di atterraggio.

Dopo la terribile scoperta sono state immediate le reazioni di associazioni, ONG e collettivi di difesa degli immigrati.

Sempre sul sito Le parisen, c'è scritto che una fonte di sicurezza ivoriana avrebbe evidenziato come "al di là della tragedia umana, l'accaduto indica una grave violazione della sicurezza all'aeroporto di Abidjan". "Questa tragedia, simile a quella dei due adolescenti guineani, Yaguine e Fodè, morti nell'agosto del 1999 sull'aereo li portava in Belgio - ricorda la Comunità -, deve spingere l'Europa ad ascoltare il grido dell'Africa favorendo in modo concreto e urgente il suo sviluppo e i Paesi africani a preoccuparsi dei tantissimi loro giovani che chiedono scuola, lavoro, futuro".