DVB-T2, arriva il canale test per scoprire se devi cambiare TV

DVB-T2, arriva il canale test per scoprire se devi cambiare TV

In termini tecnici si parla di rilascio della banda 700 MHz, per i telespettatori invece quello che si completerà nel giugno 2022 sarà un altro switch off, ovvero il passaggio a un nuovo formato digitale come quello avvenuto in maniera completa in Italia (non senza incertezze) nel 2012.

La fase di transizione verso il nuovo digitale terrestre è già iniziata e da oggi, venerdì 17 gennaio 2020, sarà possibile un nuovo "test del telecomando" per capire se il televisore in nostro possesso è abilitato a ricevere i nuovi canali o se, purtroppo, sarà destinato ed essere sostituito. Ma come funziona e a chi spetta?

Coloro che visualizzeranno il cartello, non saranno costretti ad adeguare il proprio impianto o a cambiare decoder e televisore.

Sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico è presente una lista di prodotti acquistabili con il bonus tv, che lasciamo disponibile in allegato. Alcuni dei principali network italiani hanno inoltre già introdotto dei canali di prova per permettere agli utenti di sapere se il proprio dispositivo è pronto al nuovo digitale terrestre. A questo punto avrete circa 2 anni e mezzo di tempo per provvedere all'acquisto di un nuovo apparecchio televisivo o comperare un decoder che permetta al vostro di ricevere i canali anche dopo giugno 2022.

Se per caso sintonizzandosi su uno di questi due canali non visualizzate nulla, prima di allarmarsi, è bene risintonizzare il proprio TV e riprovare a visionare uno dei due suddetti canali. Per farlo potrete fruire del Bonus Tv di 50 euro, desinato, però, soltanto a nuclei familiari con reddito fino ad un determinato limite.

Al credito d'imposta non si applicano neanche i limiti di cui all'articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e all'articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Ricordiamo che chi ha comprato un televisore nuovo nel 2017 o nel 2018 dovrebbe già possedere un modello compatibile, visto che dal 1° gennaio 2017 vige l'obbligo per i negozianti di vendere solo TV adeguate alla nuova tecnologia.

Il bonus tv può essere utilizzato per acquistare TV compatibili con DVB-T2 e codifica HEVC MAIN 10, decoder e apparecchiature per il cavo (anche TivùSat).