Coronavirus, "L'Europa è pronta ad affrontare l'emergenza"

Coronavirus,

Si è fatto visitare ieri. Il paziente di Bordeaux è stato in contatto con almeno 10 persone.

Altri due pazienti sono stati ricoverati in un ospedale di Parigi, ha affermato il ministero in una nota.

E' possibile che possano verificarsi in Europa altri casi importati del virus cinese 2019-nCoV, ma la maggior parte dei Paesi europei ha gli strumenti per affrontare l'emergenza: lo dichiarano i Centri di controllo europei per le malattie (Ecdc), dopo la conferma del terzo caso di infezione da coronavirus in Francia, anche questo in una persona rientrata dalla Cina, come i due precedenti.

In particolare, "il paziente di Bordeaux ha 48 anni, tornava dalla Cina ed era passato per la città di Wuhan".

La Cina ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti del Coronavirus su treni, aerei e autobus poiché il bilancio delle vittime e il numero di pazienti è aumentato in maniera spropositata: 41 le vittime, 15 i decessi nelle ultime ore. Non è stata l'Italia il Paese a ospitare le prime persone colpite dal virus che si è propagato da Wuhan, nonostante ci fossero stati due allarmi, uno a Bari nella giornata del 23 gennaio, l'altro a Parma nella giornata di oggi. Finora non sono stati segnalati casi negli stati membri dell'UE.

Milioni di persone isolate, stop al turismo, blocchi dei trasporti pubblici.

Secondo uno scienziato dell'Università di Glasgow il virus non avrebbe nulla a che fare con i serpenti, ma sarebbe trasmesso all'uomo dai pipistrelli e sarebbe della stesa famiglia della Sars.

"Un'indagine epidemiologica approfondita su questi casi è stata immediatamente implementata - scrive il Ministero francese -".

Sono stati accertati a Bordeaux, nel sud-ovest, e a Parigi. Per ora, il primo beneficio lo hanno avuto le aziende coinvolte, che hanno visto salire con percentuali a due cifre le loro quotazioni in Borsa.