Arriva il divieto di fumare all'aperto

Arriva il divieto di fumare all'aperto

"Entro il 2030 non permetteremo più di fumare all'aperto", ha detto Sala e "subito o a breve alle fermate dell'autobus o durante le code per i nostri servizi non si fumerà". "Se sono alla fermata del bus o se sono allo stadio non ho la libertà di spostarmi" se il fumo mi dà fastidio "quindi da questo punto di vista" il divieto "è una restituzione di diritti a coloro a cui il fumo come minimo dà fastidio, probabilmente fa anche male, e non hanno possibilità di evitarlo".

A margine dell'evento dedicato allo stato dell'arte della riqualificazione degli ex scali ferroviari ha spiegato: "Io ho fatto l'esempio delle fermate degli autobus, ma il Piano Aria Clima parlerà anche dello stadio".

Parlando ai giornalisti, Sala ha spiegato che questa è "la visione della giunta", tutto poi dovrà passare dal consiglio comunale ed è tutto parte del regolamento aria-clima. Tra l'altro il sindaco di Milano se l'è presa anche con i forni a legna delle pizzerie: "Siamo al paradosso - ha commentato il coordinatore di FdI - siamo invasi dalle polveri sottili, le fonti inquinanti sono congrue e riconducibili a problemi ben più gravi dei forni a legna". Altrimenti ci limitiamo a dire di fermare il traffico, ma non è solo quello a creare inquinamento. L'ordinanza del sindaco Sala di Milano prevede che è vietato fumare nelle zone delle fermate dei mezzi di trasporto pubblici. Ci sono ancora a Milano 1500 condomini che vanno a gasolio e 200 che vanno a biomasse, cioè a legno.