Un Meazza da 100 milioni: ecco quanto vale San Siro

Un Meazza da 100 milioni: ecco quanto vale San Siro

Il punto di discussione di oggi era capire come rendere compatibile l'ingombro di San Siro a distanza ridotta dal nuovo stadio.

La cifra ufficiale così ora è stata stabilita: 100 milioni è il "prezzo di mercato" del Meazza, cifra che tuttavia, nel caso si parlasse di cessione del solo diritto di superficie come richiesto da Inter e Milan, sarà inferiore. Ecco quanto vale San Siro secondo una perizia dell'Agenzia delle entrate, come riportato dall'edizione di Milano del quotidiano Repubblica.

SCARONI - "È andata bene".

Anche Scaroni ha commentato l'incontro con il Comune di Milano: "Si è molto parlato di ingombro, irrilevante il numero degli anelli - ha spiegato il presidente rossonero -". Il Comune ci terrebbe a mantenere una vocazione sportiva, ma a tenere l'ingombro. Se questa ipotesi non dovesse essere percorribile, il Comune sè dichiarato disponibile ad analizzare altre ipotesi che possano ridurre l'ingombro.

Paolo Scaroni, presidente del Milan, ha incontrato il Comune di Milano per parlare dello stadio di San Siro. "Un'ipotesi un po', detta in termini positivi, innovativa, perché non si sono mai visti due stadi uno a cento metri dall'altro".

Ha parlato anche Alessandro Antonello, amministratore delegato dell'Inter, presente pure lui al vertice: "L'indicazione che abbiamo avuto è che comunque c'è un'idea di mantenimento della superficie di San Siro sui diversi scenari". Mi sembra la prima volta, in quale paese al mondo nella stessa area ci sono due stadi uno di fianco all'altro. "Francamente non mi ricordo di averlo mai visto", ha concluso. "Per carità, magari essere "first", i primi, può essere anche bello, a volte però può essere un po' stupido". Non so ancora dove siamo. Vediamo se questa idea è percorribile. "Ci sarà di sicuro un nuovo appuntamento".