Lazio-Juventus, Inzaghi: "Scudetto? Siamo felici ma manteniamo equilibrio"

Lazio-Juventus, Inzaghi:

"Ora dobbiamo goderci questa vittoria, ma noi dobbiamo guardare avanti già a giovedì, sapendo che andremo a Rennes a giocarsi la nostra partita con ragazzi che hanno giocato meno", ha aggiunto. Vedere così tanta gente deve essere un orgoglio. "Ora stiamo con i piedi per terra". "Poi i ragazzi sono stati bravissimi e sanno che devono continuare a fare quello che fanno e ad avere disponibilità nello staff".

"Io sono convinto di questa squadra". Determinati gol alla Juventus si concedono. Ho un gruppo maturo, concentrato che ha ancora margini, credono in quello che proponiamo.

Sullo sviluppo in verticale come in occasione del gol di Milinkovic: "Primo tempo abbiamo fatica un po' a trovare palle in verticale, la Juventus era stretta e non ci concedeva spazi, dovevamo essere più bravi, poi siamo migliorati e devo solo fare i complimenti". Era difficile pressare bene la Juventus, ma siamo stati sempre concentrati ed il risultato si è visto. Mi dispiace per Ciro perché Szczesny ha fatto due parate eccezionali.

"No, ci siamo abbassati il giusto quando giochi contro dei giocatori bravi tecnicamente ma credo che abbiamo sofferto il giusto e penso che abbiano sofferto più loro".

SCUDETTO - "Qui a Roma è un ambiente particolare, lo stadio ci ha trascinato". L'anno scorso siamo arrivati ottavi ma abbiamo alzato la Coppa Italia. Classifica? Noi dobbiamo essere ambiziosi sapendo che ci sono squadre che non mollano, delle corazzate.

"Ma no, noi dobbiamo essere ambiziosi, guardare avanti, veniamo da 8 vittorie, è un momento importante, dobbiamo guardare noi stessi con equilibrio, siamo fiduciosi ma io lo ero anche a ottobre, perché vedevo una squadra che giocava, proponeva e sapevo che sarebbero arrivati i risultati". So da chi vengono le critiche, da chi sono mosse. Si tratta di un giocatore che merita di giocare spesso.