Conad, Fisascat Cisl: fumata nera al Mise su esuberi rete ex Auchan

Conad, Fisascat Cisl: fumata nera al Mise su esuberi rete ex Auchan

Il passaggio da Auchan a Conad continua a tenere col fiato sospeso i lavoratori, che ad oggi non hanno avuto nessun impegno da parte di Margherita Distribuzione SpA sulla ricollocazione dei lavoratori.

Domani, sabato 21 dicembre volantinaggio presso tutti i punti vendita Conad/Auchan delle Marche e lunedì 23 dicembre ore 10 sciopero e presidio regionale di Marche e Abruzzo indetto dai sindacati di categoria, Filcams Cgil - Fisascat Cisl - Uiltucs Uil, davanti alla sede di CONAD ADRIATICO a Monsampolo del Tronto. "Alte comunque - osserva - le soglie di adesione anche nel resto d'Italia dove si è sfiorata una media dell'80% nel canale ipermercati e fino al 75% nei format minori con l'inevitabile corollario della riduzione delle vendite e degli incassi".

"Nelle dichiarazioni di Conad mancano i dettagli - afferma Alessio Di Labio segretario nazionale Filcams Cgil -". Rimarca anche l'incremento dell'occupazione di 3.582 addetti, comprensivi di quelli del gruppo Auchan, precisa che "complessivamente diamo lavoro a 59.587 addetti, a cui andrebbe aggiunto l'indotto". "Al diffondersi della notizia che l'acquisizione del Gruppo Auchan era stata fatta dal Consorzio nazionale dettaglianti come Fisascat Cisl abbiamo tirato un sospiro di sollievo in quanto un'operazione tanto onerosa articolata e complessa non si sarebbe potuta gestire con operatori diversi", aggiunge. "Nei negozi già passati, i lavoratori stanno soffrendo per un peggioramento delle condizioni di lavoro (orari di lavoro, turni, festivi)".

"A Natale non vogliamo regali - scrivono i lavoratori in un volantino che distribuiranno lunedì mattina -".

Dal canto suo Francesco Pugliese, numero uno di Conad, ha annunciato che dalla prossima settimana partirà, proprio dalla Lombardia, un piano di 'mobilità incentivata' che riguarderà circa 1000-1500 dipendenti.