Scossa di terremoto nell'Aquilano, avvertita anche a Roma

Scossa di terremoto nell'Aquilano, avvertita anche a Roma

"Si tratta di un altro sistema di faglie", ha detto all'ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). L'epicentro è stato localizzato tra le città di Tabriz e Arbadil, non lontano dal confine con l'Azerbaigian. Prevedibili scosse di assestamento, una di magnitudo 2.2 è stata già registrata a ovest di Pescosolido, ad una profondità di 13 km. Epicentro a Balsorano (L'Aquila). La magnitudo è stata fissata a 4.4 e la scossa è stata avvertita fino a Roma, alla Ciociaria, Frosinone, ad Amatrice e nelle altre zone terremotate dell'Italia centrale e addirittura in provincia di Caserta. Al momento non vengono segnalati feriti o danni nella Capitale. Seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore. "Abbiamo attivato il Coc - prosegue - e abbiamo fatto un incontro con polizia la locale, i carabinieri, gli amministratori e la protezione civile, per fare il punto sulla situazione e constatare se ci fossero delle emergenze".

Aggiornamento: scuole chiuse per due giorni a San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano e Morino. Numerose segnalazioni anche da Latina, Velletri, Tivoli, Guidonia Montecelio, Chieti, Aprilia, Anzio, Pescara, Pomezia, Montesilvano, Roma, Teramo e Caserta.

- Ore 19.16: "Al momento non si segnalano danni né a cose né a persone". Le chiamate stanno arrivando principalmente dal quadrante est, ma il terremoto è stato avvertito anche a Rieti e nel Frusinate.

Gente in strada e paura ai Castelli Romani per la scossa di terremoto. Lo ha comunicato il segretario Generale del Mibact, Salvo Nastasi.