Scomparsa del filosofo Remo Bodei, il ricordo del presidente Rossi

Scomparsa del filosofo Remo Bodei, il ricordo del presidente Rossi

Si terranno sabato 9 novembre alle ore 11.30 nel cortile del Palazzo della Sapienza (in caso di pioggia, nell'Aula Magna storica) i funerali di Remo Bodei, il grande filosofo scomparso all'età di 81 anni. Tra gli incarichi anche quello di docente all'Università di Pisa e alla scuola Normale Superiore. Bodei era uno dei massimi esperti della filosofiapisa dell'idealismo classico tedesco e dell'età romantica. Ha poi studiato come si sono costituite le filosofie e riflettuto sulle esperienze della soggettività tra mondo moderno e contemporaneo, giungendo a importanti conclusioni. Le sue indagini filosofiche hanno riguardato anche la ricerca della felicità da parte del singolo. Sotto questo profilo resta magistrale il saggio "Geometria delle passioni". Tra gli ultimi suoi lavori pubblicati figurano: "Piramidi di tempo".

Remo Bodei si interessava anche di estetica, poesia, musica, era nell'Istituto europeo di design e nell'Accademia dei Lincei. Per Bodei era urgente e necessario che la filosofia riuscisse a darsi una dimensione globale, col relativo superamento di valori assoluti, riferendosi sempre a un razionalismo aperto, capace di difendere le grandi conquiste di libertà raggiunte dalla civiltà occidentale raccolte nella Dichiarazione dei diritti umani. Era un piacere ascoltare le sue lezioni affollatissime e godere del suo immenso sapere e della sua sottile ironia, della sua intelligenza critica, della sua voce lieve e roca e del suo sguardo mite. "Alla sua scuola - ricorda Barni - si sono formate generazioni di studenti. Il mio cordoglio giunga alla famiglia e a tutte le persone che hanno avuto modo di apprezzarlo".

Nel 2018 il Consiglio Comunale di Roccella Jonica, a nome di tutta la comunità, decise di conferire al Professore Bodei, Direttore della Scuola estiva di 'Altra' Formazione in Filosofia "Giorgio Colli", promossa nel comune jonico dall' Associazione Culturale Scholè, la cittadinanza onoraria per aver voluto condividere con la nostra collettività un percorso culturale che ha onorato ed onora la città di Roccella, divenuta, grazie al suo fondamentale contributo, un punto di riferimento in tutta Italia nel campo dello studio della Filosofia. "Mancherà tanto al nostro Premio e alla nostra città".