Nadia Toffa, intervista alla mamma: "Parlavamo sempre della morte"

Nadia Toffa, intervista alla mamma:

Oggi, per la prima volta dopo la sua morte, la madre ha rilasciato un'intervista al settimanale Grazia a cui ha parlato degli ultimi giorni passati con la figlia, consapevole di morire.

Spesso le due si sono confrontate sulla malattia della Toffa e l'inevitabile epilogo che questa ha comportato. Nonostante ciò, la storica inviata è riuscita a mantenere il controllo della propria salute fino all'ultimo: "I suoi unici vizietti era il vino rosso a tavola e qualche sigaretta", conclude la madre.

La madre di Nadia Toffa torna a parlare, a quasi tre mesi dalla morte di sua figlia, avvenuta lo scorso 13 agosto come ben noto.

"Tutte le mattine ci svegliavamo e facevamo colazione insieme". Una frase colpisce e forse racconto molto di Nadia, confermando il pensiero di lei che ha anche Don Maurizio PATRICIELLO, ed è: "Mamma, ho l'impressione di avere a che fare con qualcosa di molto più grande di me". Lei amava i datteri, le mandorle e lo yogurt agli agrumi.

Recentemente, i familiari di Nadia Toffa hanno dunque annunciato la pubblicazione post mortem di un'opera della giornalista, il diario che ha scritto la iena prima della morte: "Ecco la copertina del libro di Nadia 'Non fate i bravi' (Chiarelettere) che sarà in libreria dal 7 novembre- si legge nella pagina Facebook di Nadia Toffa-. Nonostante tutti i medicinali che era costretta ad assumere, le ultime analisi erano perfette", spiega sempre Margherita. Leggeva e mi chiedeva cosa ne pensassi.

Cara piccola grande Nadia, figlia amata, adorata sorella, dolcissima zia, guerriera potente in ogni sfida, coraggiosa anche nell'ultima, la più difficile. Nadia ha lottato fino alla fine, l'ultima notte la mamma è però andata da lei e le ha detto: "Vola amore mio" e Nadia lo ha fatto.